Donde quieres ir y desde donde quieres salir?

    PER CHI AMA VIAGGIARE ED ESSERE LIBERO

    1 Giugno 2021

    ¿ Te interesa el evento?

    Introduzca tus datos para recibir actualizaciones a propósito

    Cuando envias el modulo, controla tu inbox para confermar la inscripción

    Vanlife: semplice vacanza o stile di vita?

    Abbiamo vissuto l’ultimo anno come fossimo chiusi dentro una bolla di incertezza. Ma possiamo esser certi che le nostre abitudini sono completamente cambiate.

    I comportamenti delle persone e il modo di affrontare le situazioni, anche quelle quotidiane, sono cambiate e continueranno a evolversi ancora per un po'.  Le analisi effettuate da Google sugli argomenti più ricercati dimostrano una particolare attenzione verso il fai da te: come fare la pizza in casa, come tagliarsi i capelli, come scrivere un libro, come fare giardinaggio. In poche parole è cresciuto l’interesse nello scovare la soluzione homemade per sopravvivere in autonomia, o semplicemente per non annoiarsi!

     

    Ma quello che più ci interessa è che avendo più tempo a disposizione, le persone, nello scoprirsi curiosi e autodidatti, si sono avvicinati anche al “viaggio fai da te”, dalla scelta della destinazione all’organizzazione, alla prenotazione di hotel, ristoranti, visite, ecc.

    Ma soprattutto, gli italiani hanno (ri)scoperto la comodità e la versatilità della vacanza in camper o in van, in particolare i giovani che cercano il risparmio, le famiglie numerose che desiderano regalarsi un'esperienza indimenticabile a ritmi rilassanti e gli amanti della natura che hanno bisogno del contatto con l’ambiente.

    Forse sarà un caso, ma la scorsa estate le immatricolazioni dei camper si sono impennate del 114% a luglio e del 104% in agosto rispetto al 2019. Tra i più venduti, in testa troviamo i caravan, seguiti dai van e dai motorhome. Da un lato questo modo di viaggiare offre i confort di una casa in miniatura, permette di muoversi in libertà, senza il vincolo della prenotazione, e fa entrare maggiormente in contatto con la cultura popolare del luogo. Dall’altro, la filosofia del camperista risponde molto bene alla necessità “imposta” dalla pandemia di evitare assembramenti e mantenere il distanziamento sociale.

    Sta di fatto che la cultura del camper si sta diffondendo sempre più!

     

     

    Sicuramente quest’anno le fila degli appassionati andranno a ingrossarsi ulteriormente. Perché? Avete sentito parlare di NOMADLAND? Il film che ha vinto il Leone d’oro alla 77° Mostra del cinema di Venezia e il Golden Globe come miglior film drammatico. Ha trionfato alla 93° edizione degli Oscar aggiudicandosi la statuetta di miglior film, miglior regia (della cinese Chloé Zhao) e migliore attrice protagonista (la statunitense Frances McDormand). Il film, adattamento cinematografico del libro inchiesta di Jessica Bruder, narra la vicenda della sessantenne Fern che lascia la sua città nel Nevada per attraversare gli Stati Uniti occidentali sul suo furgone. Nel suo viaggio incontra molte persone che, come lei, vivono come nomadi moderni. Chi per decisione propria, lontano dalle convenzioni sociali e chi invece perché costretto a farlo, ma lo fa con spirito resiliente, apprezzando ogni istante della realtà quotidiana. Se non l’avete ancora visto, affrettatevi a farlo... potrebbe scatenare in voi la voglia di salire a bordo di un van e partire in meno che non si dica.

     

    Ultimamente nel web si trovano sempre più spesso storie di vanlifers, persone che hanno scelto il van come casa, per inseguire l’avventura, o semplicemente perché lo considera il modo più pratico ed economico per fare una vacanza in tutta libertà. Tra coloro che ne hanno fatto uno stile di vita c’è Alessandro, che ha deciso di creare “VanSweetFun” con l’obbiettivo di condividere l’amore per questo tipo di viaggio e di vita e con tanti consigli sulla camperizzazione. Se vuoi cimentarti in questa avventura, nel suo blog trovate moltissimi consigli utili su come vivere al meglio questa esperienza.

     

    Beh, ti abbiamo incuriosito almeno un po'?! Vorresti provare un piccolo assaggio di come potrebbe essere la tua prima vacanza in una “casa mobile” già allestita ad hoc?  Valuta l’ipotesi di noleggiarlo! Basta googlare “noleggio camper/van” per avere tra le mani una lista di fornitori e siti specifici. Ti ritroverai a scegliere tra centinaia di mezzi pratici e poliedrici, a misura delle tue esigenze, perfetti per farti vivere al meglio la tua vacanza itinerante all’insegna della semplicità e della flessibilità.

     

    Stando a quanto scrivono i vanlifers, l’allestimento del veicolo sembra essere divertente tanto quanto il viaggio stesso. Scervellarsi per far in modo di cacciare dentro uno spazio così ridotto tutto il necessario, stimola la creatività e lascia ampio spazio alla personalizzazione. C’è chi ha pensato a una soluzione davvero originale: ha recuperato la vecchia Fiat Panda 4x4 e l’ha trasformata nella sua mini casa mobile. Robe da pazzi! Qui si che l’essenziale è d’obbligo, il superfluo non è ammesso.

    Che sia camper, van o pandino, ogni cosa, al suo interno, deve essere ordinata e organizzata alla perfezione e i pesi devono essere distribuiti in maniera corretta (guarda questo curioso video della Commissione per la sicurezza stradale su come la distribuzione del peso possa causare seri problemi durante il traino della roulotte).

     

     

    Due parole sull'abbinamento “camper = inquinamento”: spesso i camperisti sono criticati per il loro impatto negativo sulla natura. Ma non è vero! In questi ultimi anni tutti i veicoli, quindi camper e van compresi, vengono concepiti per essere rispettosi verso l’ambiente, in termini di consumo ed emissioni di CO2. Camper e van sono inoltre più economici per quanto riguarda le emissioni di carburante, minor consumo dell’acqua, riduzione di consumo di elettricità, ottimizzazione del consumo del gas, solo per dirne alcuni. In camper si è dipendenti da due bombole e da un boiler quindi si impara presto a gestirne l’autonomia. Lo spazio destinato al frigorifero, e alla cucina in generale, è più piccolo rispetto a quello di casa. La spesa diventa cosi più consapevole, si impara ad apprezzare i prodotti locali del territorio e ad acquistare confezioni di cibo più piccole.

    Piccoli gesti e accortezze che rende la vita in camper sicuramente più green!

     

    La controindicazione? La filosofia di libertà perseguita e tutta questa cosa della vanlife a volte sfugge veramente di mano e sembra che “avere un van e viaggiare con questo” debba diventare l’obiettivo della vita. No, il van (e il camper) è solo UNO dei mezzi possibili che ti permette di scoprire le destinazioni dei tuoi sogni a ritmo slow.

    Addormentarsi la sera sotto il cielo stellato, all’apparenza sempre uguale eppure cosi diverso, svegliarsi ogni mattina, guardare fuori dal finestrino e trattenere il fiato per il meraviglioso paesaggio che cambia ogni giorno. Camper, van (o pandino) rappresentano sicuramente un’occasione per rimodulare il modo di spostarci, il concetto di vacanza che porta alla scoperta di un nuovo senso, più autentico, del viaggio. Porta non solo a visitare il luogo, ma permette di entrare in empatia con esso.

    Sia che tu viaggia da solo, in compagnia degli amici o con la famiglia, non chiuderti nel tuo micro mondo. Non sai mai chi incontrerai durante il viaggio!

     

    E qui la domanda sorge spontanea: Hai mai pensato di dare una svolta radicale alla tua vita? Quanti di voi, almeno una volta nella vita, hanno pensato di mollare tutto e partire? Non limitarsi alla sola vacanza, ma seguire quella voce interiore che dentro urla sempre più forte, chiaro segnale di quel qualcosa non va più. Ebbene si, c’è chi l’ha ascoltata, si è lasciato andare all’istinto e ha deciso di adottare la vanlife come stile di vita. E ha imparato a vivere un po' alla volta senza aspettative. È vero, spesso non sappiamo cogliere l’occasione o non tentiamo neppure di farlo perchè abbiamo paura di non essere pronti, di non essere all’altezza di ciò che ci aspetta. Ci creiamo aspettative cosi grandi che finiamo per non raggiungere l’obiettivo e restiamo delusi da quello che immaginavamo avrebbe dovuto essere. Dovremmo imparare invece a eliminare queste paure, a non tirare il freno del “E se...”, a uscire dai pregiudizi e vivere a pieni polmoni, godendoci tutto il bello che ci circonda!

    Keep calm and... go on holiday!

     

    #WeTheFun #BusForFunBlog #Vacanzeinlibertà #Vanlife

    Espandi testo Riduci testo